Un attore in scena incarna un vero cantastorie e affianca il repertorio musicale cantautoriale accompagnato dalla chitarra, con alcune storie che il cantastorie stesso ha visto o vissuto. Prima su tutte quella del giorno in cui da contadino divenne cantastorie. Le canzoni tutte scritte da Alberto Ierardi, si intersecano tra le storie tracciando un percorso pieno di nostalgia.
Il tentativo è quello di studiare uno spettacolo semplice e capace di cambiare forma facilmente traducibile in spazi non convenzionali, vicino alla nostra quotidianità ma radicato nello studio della tradizione mischiando realtà e fantasia .